Metzeler Tourance Next: come vanno dopo 300Km ?

300 Km sono proprio pochini per dare un giudizio men che affrettato, ma alcuni punti li posso chiarire.

La tenuta sullo sterrato leggero buona, meglio delle Dunlop RoadSmart (e vorrei vedere !).
Decisamente molto “legnoso” l’avantreno. Si sente il peso maggiore dello pneumatico anteriore (110 vs 100) che aumenta in modo rilevante la forza giroscopica. Lo stesso effetto me lo aveva fatto ovviamente anche il Dunlop Roadsmart II (anch’esso in 110/80) ma in misura minore. E aggiungo una brutta sensazione di disequilibrio tra un anteriore “pesante” e un posteriore “leggero”.
Direi che il Next 100/90 sarà perfetto. Il Next 110/80 non a tutti può piacere. A me al momento non convince per niente. Nelle “esse” è un pò lenta.

Il grande Ozama ha descritto in modo professionale il mio pensiero:
“Dipende dai pneumatici montati quanto la gomma più larga e bassa influisce sulla guida. Se è più appuntita la sensazione di pesantezza si mitiga. Ma se lo pneumatico è più pesante (e dipende più dal modello che dalla misura, secondo me), la moto tende alla stabilità. Se il davanti e il dietro non sono “in accordo”, la moto dà sensazioni strane, come che è dura a scendere e dura a risalire, ma il posteriore sembra avere meno aderenza e la moto reagisce nei cambi di direzione in modo strano: sembra che galleggi dietro (dove c’è il motore che spinge e che frena) perdendo precisione e dando l’impressione che la moto arrivi un po’ dopo i comandi.
In pratica, quando spingi il manubrio interno per scendere, la moto reagisce in due tempi: il davanti va giù come ti aspetti e si ferma dove vuoi e dietro sembra che scenda un attimo dopo. Quando spingi sul manubrio esterno per risollevare, il dietro si scompone. Per far fare alla moto ‘quello che vuoi’ in una esse, sei costretto a togliere più gas del necessario sennò la moto non curva.”

 

Condividi l'articolo su: